Primo Piano

Riverniciati i muri della sede di via Mogadiscio, sulla cancellata spunta una lettera

«Signori Piazza, la nostra storia non si cancella con un colpo di spugna...».

Redazione TuttoReggiana
19.07.2018 19:30

Continua a sventolare la bandiera di Ernesto Melauri, issata sul cancello posto davanti all'ingresso della sede di via Mogadiscio ma da martedì è accompagnata anche da una lettera scritta a mano da una tifosa che si firma 'Lory'.

«Signori Piazza - si legge - La nostra storia non si cancella con un colpo di spugna. Noi la portiamo nel cuore orgogliosamente... Con i soldoni, anche se tanti, non si comprano: rispetto, orgoglio, amore e fede. I tifosi granata di questo sono ricchi. Grazie a tutti i responsabili di questa vigliaccata. Col cuore a pezzi... Torneremo più forti che mai».

Fortunatamente non sono più presenti le scritte ingiuriose rivolte ai Piazza (i quali avrebbero fatto ritorno stamani in ufficio dopo il soggiorno a Milano Marittima): i muri esterni della sede sono stati infatti riverniciati e ora donano un look diverso a via Mogadiscio. «Sono passato dalla sede per salutare i dipendenti - scrive su Facebook l'ex socio Gianfranco Medici - Mi dispiace di tutto quello che stanno passando e inoltre mi sono permesso di chiamare un imbianchino per ripristinare i muri imbrattati. Vi chiedo se per favore visto tutto quello che abbiamo speso per creare una sede degna del nome che abbiamo, di evitare di tornare a imbrattare i muri della sede della Reggiana. Ricordandovi che quella non è la sede del signor Piazza...».

Commenti

Il "Mago" Cesarini: «Orgoglioso di aver indossato la maglia numero 10. La Regia tornerà presto dove merita»
Doriano Tosi: «La Reggiana costruirà una squadra ambiziosa, il budget non è un problema»