Primo Piano

Baldini-Romano, dopo l'incontro odierno la trattativa prosegue anche a distanza

Resta difficile raggiungere un accordo, lo scoglio è rappresentato dal ruolo tecnico richiesto dall'ingegnere laziale

Redazione TuttoReggiana
30.07.2018 22:00

Marco Arturo Romano

Con l'uscita dai giochi della cordata rappresentata da Caiti, come annunciato dallo stesso imprenditore della comunicazione tramite la stampa questa mattina, Marco Arturo Romano è rimasto spiazzato trovandosi costretto a prendere contatti con l'altra cordata reggiana coordinata da Baldini. L'incontro avvenuto a Reggio a partire da stamattina ha avvicinato le parti: il gruppo formato dagli ex sponsor granata (Olmedo, Fico, ecc) chiede di poter controllare la maggioranza del nuovo sodalizio esprimendo anche la presidenza e un ruolo importante all'interno del consiglio di amministrazione, l'ingegnere ciociario invece reclama per sé la gestione tecnica della squadra che dovrebbe nascere a breve. Oliva e gli sivzzeri intanto si sono defilati, Abbruscato rimane sullo sfondo in attesa di portare consigli (e forse altro) agli amici reggiani. 

«Trattativa arenata per queste divergenze? Non è detto - puntualizza Romano, sulla strada di ritorno verso la capitale - Stiamo ancora parlando tra di noi, poco fa ho ricevuto una mail dal dottor Baldini con l'accordo definito oggi in cui restano da chiarire alcuni punti, e forse ci stiamo riuscendo, ma il tempo è strettissimo. Aspettiamo e vediamo: abbiamo fatto più di un passo indietro, trattando con dei nuovi soggetti dopo che avevamo parlato con gente diversa fino a pochi giorni fa. Sto facendo la spola tra Reggio e Roma perché credo in questo progetto e domattina sono pronto a tornare se raggiungeremo un accordo...».

Domani alle ore 13 scadrà il bando, ma si continuerà a lavorare fino a notte fonda: «È vero che c'è tempo fino a domani però bisogna passare ai fatti ed appianare le divergenze già entro stanotte, almeno a parole, poi avremo altri pochi giorni per formalizzare il tutto, costituire la nuova società e completare i passaggi necessari all'iscrizione della Reggiana in Serie D».

«Cosa chiedo? Vorremmo gestire qualcosa, avere un ruolo importante all'interno della struttura societaria altrimenti non avrebbe senso entrare - conclude l'imprenditore ciociario - Bisogna capire che quando si cerca di chiudere una trattativa, le esigenze altrui vanno prese in considerazione...».

Commenti

Revocata la concessione del Mirabello alla Reggiana dei Piazza
Nuovamente prorogata la scadenza del bando pubblico