News

Provata la difesa a tre nel test con la Juniores

Ben 9 gol segnati, Osuji e Zamparo sugli scudi

Redazione TuttoReggiana
11.10.2018 19:00

Oggi pomeriggio al campo di Masone si è svolto un test in famiglia tra la prima squadra e i giovani della Juniores guidati in panchina da mister Bertacchi. Ad avere la meglio sono stati Spanò e compagni in casacca bianca, ma l'allenamento è servito soprattutto per provare delle novità tattiche in vista della trasferta di domenica a Fiorenzuola d'Arda.

Nel primo dei due tempi da 35 minuti è balzato subito agli occhi un inedito 3-4-3 con Grassi al centro della difesa, Cigagna a destra e il classe 2001 Palmiero a sinistra (Rossi in porta); davanti Luche dava manforte a Zamparo (autore di una doppietta) e Boldrini. In mezzo Cavagna (destro al volo nel sette su schema da calcio piazzato) e Zaccariello con Masini largo sulla fascia destra e Cozzolino a sinistra. Nella seconda parte del test, sotto gli occhi attenti della dirigenza presente a bordocampo con Lancetti, Corsi e Russo, si è vista una Reggio Audace probabilmente più simile a quella che dovrebbe affrontare fra tre giorni i rossoneri piacentini. Narduzzo tra i pali, Spanò, Rozzio e la novità Crema in difesa; Bran, Staiti, Cozzari e Belfasti a centrocampo mentre davanti hanno giocato Osuji e Broso larghi con Ponsat al centro del tridente. Un gol di tacco di Osuji (tripletta a fine partitella) ha aperto subito le marcature, seguito in rapida successione da Belfasti, Staiti e Broso. Mister Antonioli ha avuto modo di provare anche Bran a sinistra nel pacchetto dei tre difensori, spostando Osuji sulla fascia destra e ricollocando Crema al suo ruolo naturale sulla mediana; qualche minuto positivo anche per Bardeggia in attacco.

Granata di nuovo al lavoro domani pomeriggio sempre a Masone; sabato mattina è prevista la rifinitura prima del trasferimento a Fiorenzuola in programma domenica mattina.

Commenti

Le probabili formazioni di Fiorenzuola-Reggio Audace
La Reggio Audace presenta i suoi capitani: «Una scelta che non divide ma unisce»