L'avversario

AlbinoLeffe, la rincorsa ai playoff passa dai piedi di Sbaffo

I granata a Bergamo si giocano il secondo posto in attesa del big match col Padova

Francesco Villa
21.04.2018 13:00

La rincorsa alla migliore posizione possibile nella griglia playoff passa per lo stadio "Atleti Azzurri d’Italia" dove la squadra di mister Eberini lunedì sera (ore 20.30) sarà ospite dell’AlbinoLeffe: i granata scenderanno in campo sapendo già il risultato di Pordenone-Sambenedettese e di Fermana-Padova, sarà quindi necessario dare tutto per rimanere agganciati al secondo posto e magari sperare ancora nel sogno promozione in vista del big match contro i patavini in casa il 29 Aprile.

Un solo punto separa i bergamaschi dalla zona playoff, fase finale del torneo alla quale mancano dalla stagione 2013/14. Nelle ultime giornate di campionato i seriani si sono avvicinati sempre di più al decimo posto occupato ora dal Renate, contro qualsiasi pronostico hanno fatto risultato con due delle squadre più importanti della categoria battendo la FeralpiSalò in casa per 3-1 e obbligando al pareggio il Padova all'Euganeo. L’AlbinoLeffe ha ritrovato il suo gioco, dopo un deludente girone di ritorno che sembrava avesse precluso ai celesti la possibilità di accedere ai playoff. Dopo due prestazioni da incorniciare si è riaccesa la speranza grazie al 3-5-2 di mister Alvini che è tornato ad essere un marchio di fabbrica. Per la Reggiana sarà fondamentale riuscire a contenere la fisicità dei bergamaschi che in fase difensiva mantengono 11 uomini dietro la linea del pallone pronti a ripartire in contropiede. Contro Feralpi e Padova ha fatto la differenza il gioco sulle fasce che ha visto gli esterni Gelli e Gusu attaccare a ripetizione la profondità per cercare la testa dei due centrali d’attacco Kouko e Colombi (9 gol insieme). La Reggiana ritroverà nel monday night l’ex Alessandro Sbaffo (4 gol quest’anno, assente all'andata), passato l’estate scorsa tra le file dei seriani dopo una stagione in granata che lo ha visto ripetutamente ai box; giocatore dal talento cristallino, a Reggio ha alternato giocate di classe a semplici passeggiate sul manto erboso del “Città del Tricolore”.

PRECEDENTI. Fu proprio la Reggiana a ridimensionare le ambizioni del club seriano nel match del 2 dicembre scorso con un sonoro 4-1 in una delle più belle partite disputate dai granata durante tutta la stagione. Determinanti furono Cesarini (1 gol) e Altinier (doppietta e zampino nell'autorete di Gonzi) insieme al rigore sbagliato dal talentuoso Kouko sul 2 a 0 davanti a Narduzzo. Nelle ultime cinque uscite con i bergamaschi la Reggiana ha conquistato 4 vittorie e un solo pareggio l’anno scorso grazie al gol di Sbaffo autore dell’illusorio vantaggio granata di testa su cross di Ghiringhelli. Per la Reggiana di mister Menichini si trattava del terzo pareggio in sei gare nel crescendo del finale di stagione. Le ultime sconfitte contro l’Albinoleffe risalgono alla stagione 2013-2014 dove i granata uscirono con la testa china ben due volte. I seriani vantavano in quella stagione uno dei migliori attacchi del campionato con il bomber, ora al Piacenza, Massimiliano Pesenti (passato da Reggio nel 205/16 senza lasciare il segno), l’asso del Bari Karamoko Cissè, il classe ’93 Mattia Valoti dell’Hellas Verona e niente meno che il “Gallo” Andrea Belotti a segno contro i granata nella sua prima stagione fra i professionisti.

Commenti

Il programma e i pronostici della 36ª giornata
Altinier, allarme rientrato