Primo Piano

Quattro gol affondano i granata ad Ospitaletto, con l'Adrense i giovani non ripetono l'impresa

I gol di Ponsat e Dammacco non bastano, granata vicini al sorpasso con Muro al 24'. Termina dopo 98 giorni l'imbattibilità della Reggio Audace

Lorenzo Chierici
05.05.2019 17:00

Mentre Modena e Pergolettese si sono giocate a distanza il primo posto in classifica, la Reggiana ha disputato una partita senza alcun contenuto a livello di graduatoria finale essendo i granata saldi al terzo posto, senza possibilità di agguantare la seconda piazza né tantomeno di essere raggiunti, ecco perché Mauro Antonioli contro l'Adrense ha mandato in campo senza troppa preoccupazione una formazione in emergenza con 9 "under" e due soli "over", Zamparo e Ponsat. Non è certamente a causa dei giovani che i granata hanno perso, ma per colpa di motivazioni inesistenti che hanno certamente lenito l'ardore, ritrovato soltanto, almeno in parte, nella ripresa dopo l'ingresso in campo proprio di Sanat, un giovane trequartista dotato di grandi mezzi tecnici, che ha saputo dare un po' di vivacità. La bella notizia di giornata è certamente il rientro in campo di Paolo Rozzio che, al 33' del secondo tempo, ha giocato una ventina di minuti, rivivendo una partita vera a cinque mesi dall'infortunio. 

PRIMO TEMPO. Parte forte l'Adrense: dopo 17 secondi va in gol con Mozzanica che, con due conclusioni da distanza ravvicinata, infila Rossi e porta in vantaggio i suoi. Risponde subito la Reggiana con Zamparo che non inquadra la porta. Dopo 8 minuti la Reggiana pareggia il conto con il gol di Ponsat che mette in rete a porta vuota, dopo l'ottimo assist di Dammacco che, solo davanti alla porta, dopo aver ricevuto palla da Muro, permette al compagno d'attacco di pareggiare momentaneamente le sorti della gara. I granata vogliono vincere e concludono a lato con Dammacco, ma è Tagliani dell'Adrense a colpire un palo con un bel colpo di testa su corner da sinistra. La Reggiana reagisce e al 16' Zamparo entra in area dove cerca di servire un compagno, ma il difensore Rossi del'Adrense tocca palesemente la palla con il braccio destro aperto, ma l'arbitro non se ne accorge e lascia correre, malgrado le proteste degli ospiti. Al 20' i granata vanno ancora sotto: Farimbella viene toccato in area da Cozzolino e cade a terra; per l'arbitro è rigore: dal dischetto Bardelloni trasforma con freddezza. Penalty particolarmente generoso quello assegnato ai padroni di casa mentre è sembrato più netto  il fallo di mani di Rossi in area su tocco di Zamparo. Al 24' la Reggio Audace ha la possibilità di pareggiare le sorti del match con il giovane Muro che, tutto solo in area si vede respingere clamorosamente il tiro dall'attento Festa. Al 26' arriva il terzo centro a parte dei locali: Farimbella riceve palla a centro area dove, con un sinistro chirurgico trafigge Rossi tagliato fuori da una leggera deviazione di Palmiero. I granata non ci stanno e tentano di accorciare le distanze con una zampata di Pastore da fuori area, che termina alta oltre la traversa, mentre risponde l'Adrense, con un tiro da lontano, che termina a lato da parte di Tagliani.

SECONDO TEMPO. Mister Antonioli conferma l'undici d'inizio partita e dopo 6' minuti Zamparo prova a gonfiare la rete avversaria, ma il suo intervento è in leggero ritardo e il centravanti non arriva alla deviazione del pallone verso la porta avversaria. Al 32' la Reggiana accorcia le distanze con Dammacco che, magistralmente servito da Ponsat, trasforma in rete con una bella spaccata. La partita non è certamente esaltante e l'Adrense ci prova prima con un tiro rimpallato di Martinez poi con una conclusione fuori di Bardelloni su errore di Cigagna in fase di disimpegno. Al 28', però, l'Adrense realizza il suo quarto centro con Laner che raccoglie un pallone a centro area dopo aver eluso la marcatura di calmiero, per poi trafiggere Rossi con un rasoterra sul primo palo: 4-2. La Reggiana cerca di reagire e ci prova con un'azione di Dammacco dal limite, che non trova gli spazi per rendersi pericoloso, poi con una staffilata da oltre 20 metri di Ponsat, che viene bloccata da portiere. Al 33' ecco arrivare il rientro in campo di Paolo Rozzio 5 mesi dopo il grave infortunio subito. L'Adrense sfiora il quinto gol al 38' quando Bardelloni entra da sinistra e di destro cerca il palo lontano, ma non trova la porta per pochi millimetri, mentre sul capovolgimento di fronte è la Reggiana a sfiorare il gol con una conclusione di forza dopo un azione nello stretto di Bran che colpisce in pieno la traversa da pochi passi. A due minuti dal termine la Reggiana ci riprova con Dammacco, arretrato al ruolo di mezzala dopo l'ingresso di Sanat, ma il suo tiro viene deviato dal portiere Festa. Al 46' è invece Rozzio a sfiorare il gol sul secondo angolo di giornata per i granata, ma il suo colpo di testa termina di poco a lato alla destra del portiere locale. Dopo cinque minuti di recupero l'arbitro fischia la fine e la Reggio Audace può finalmente pensare solo ai play off.


La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:


I risultati della 34ª giornata e la classifica finale

 

Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

ADRENSE-REGGIO AUDACE 4-(3-1)
Marcatori: 1'pt Mozzanica (A), 8'pt Ponsat (R), 21'pt Bardelloni (rig. A), 26'pt Farimbella (A), 15'st Dammacco (R), 28'st Laner (A).
ADRENSE (4-3-3): Festa; Gaye (dal 33'st Nolaschi), Rossi, Tagliani (dal 1'st Moretti,) Farimbella; Mozzanica (dal 24'st Paissoni), Laner, Ferrari; Martinez (dal 24'st Lauricella), Bardelloni, Faini (dal 43'pt Zambelli). A disp.: Ndoj, Fiorentino, Bertoni, Strada. All.: Volpi.
REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Rossi; Cozzolino (dal 33'st Rozzio), Palmiero, Cigagna, Piccinini (dal 24'st Sanat); Muro, Talarico (dal 12'st Bran), Pastore; Dammacco; Zamparo, Ponsat. A disp.: Venturelli, Gianferrari, Spanò, Cozzari, Bardeggia, Rizzi. All.: Antonioli.
Arbitro: Mirabella di Napoli, coadiuvato da Pedroni di Schio e Paggiola di Legnago.
NOTE - Minuti di recupero 2 al termine del primo tempo 5 al termine della ripresa; ammonito Muro (R) al 43'pt, Zambelli (A) all'11'st, Nolaschi (A) al 35'st; calci d'angolo 6-2 (3-1 nel primo tempo) per l'Adrense. Presenti circa 150 tifosi granata nel settore ospiti.

Commenti

Le pagelle di Adrense-Reggiana: conferma Muro, difesa dietro la lavagna
Antonioli: «Siamo mancati in fase difensiva. Ancora una volta l'arbitro ci ha penalizzati»