Primo Piano

UFFICIALE - La gestione del Mirabello affidata a Reggiana e Boxe Tricolore

Vinto il bando della Fondazione dello Sport, il progetto di riqualificazione sarà presentato a breve

Redazione TuttoReggiana
25.01.2018 14:30

La Reggiana riabbraccia la propria casa, lo stadio Mirabello. Il club granata, nell'ATI (Associazione Temporanea di Imprese) costituita con la Boxe Tricolore Olmedo, ha vinto il bando della Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia per la gestione dello storico impianto di Via Matteotti per due anni con l'opzione per altri due anni a partire dal 1º febbraio 2018.

L'esclusione del Rugby Reggio, precedente gestore, ha spianato la strada a Reggiana e Boxe Tricolore: l'offerta, al ribasso rispetto alla base d'asta, è risultata economicamente meno conveniente in confronto a quella presentata dall'altro concorrente, Gisport srl, ma la Fondazione ha premiato il progetto tecnico e gestionale dei due club in sinergia. La Reggiana utilizzerà lo stadio prevalentemente per il settore giovanile, mentre la Boxe Tricolore proporrà incontri ed eventi anche di livello internazionale; il progetto è innovativo e, oltre a contemplare gli aspetti sportivi, vuole valorizzare l'impianto cittadino come luogo di incontro e aggregazione per l'intera comunità reggiana attraverso un'importante opera di riqualificazione e rimodulazione degli spazi, fra tutti quello del bar interno allo stadio che potrebbe tramutarsi in un "pub granata". Maggiori dettagli sulle future iniziative saranno presto comunicati in un'apposita conferenza stampa.

Come riporta una nota ufficiale della società, la vittoria del bando per la gestione del Mirabello è stata condivisa con entusiasmo e convinzione dal presidente Piazza e da Luca Quintavalli e rafforza maggiormente il legame esistente tra Reggiana e Olmedo, nato dalla sponsorizzazione alla squadra granata e consolidata dalla nascita del "progetto" Store che sta regalando molte soddisfazioni. Il presidente Mike Piazza si è mostrato raggiante dopo aver appreso la notizia: «Per noi il Mirabello è come il Filadelfia per il Torino - ha dichiarato - rappresenta la nostra storia le nostre radici e ha rappresentato un pezzo importante della nostra passione granata. Un Mirabello proiettato nel futuro partendo dal nostro settore giovanile». Luca Quintavalli, presidente di Olmedo, Main Global Partner di Reggiana e Main Sponsor di Boxe Tricolore, oltre che storico direttore sportivo della società boxistica dal 1996 rimarca un altro aspetto fondamentale: «Il Mirabello dovrà essere un esempio virtuoso in cui il pubblico ed il privato, sportivo ed economico, lavorino insieme per il bene della città e per lo sviluppo dello sport cittadino».


(Nella foto sopra dagli archivi granata, lo stadio Mirabello il giorno della storica promozione in Serie A nel 1993)

Commenti

Quattro gol nell'amichevole in famiglia a Calerno
Eberini: «Ora siamo una squadra completa. Attenzione al Renate»