Primo Piano

Antonioli: «Con il Sasso Marconi serve la massima attenzione, dobbiamo arrivare al derby nelle migliori condizioni possibili»

«Non ho dubbi su chi mandare in campo. Dal punto di vista fisico il peggio è passato»

Gian Marco Regnani
23.03.2019 16:00

Il derby con il Modena dista solamente 15 giorni ma il pensiero di Mauro Antonioli non va oltre al Sasso Marconi, avversario che i granata affronteranno domani pomeriggio al "Città del Tricolore".


Mister, come sta la squadra?
«Masini è sulla via del recupero ma tornerà a disposizione solamente dalla prossima settimana, Rozzio sta piano piano recuperando è non è lontanissimo dal rientro mentre per Broso i tempi si sono allungati e restiamo in attesa di ulteriori valutazioni. Domani mancherà anche Cozzari a causa di una microfrattura al piede».

E dal punto di vista fisico?
«In allenamento si vede che stiamo bene, credo proprio che il momento critico a livello di forma sia passato. La sosta è servita molto per recuperare le energie, ora possiamo permetterci più alternative».

Scenderete in campo sulle ali dell’entusiasmo dopo l’ultima vittoria?
«A Budrio oltre alla vittoria è arrivata anche la prestazione, c’è stato lo spirito giusto. Ci stiamo sforzando per avere un approccio importante a tutte le gare perché abbiamo obiettivi importanti da raggiungere e ci concentriamo domenica dopo domenica per fare più punti possibile».

Ha già pensato a chi mandare in campo al posto dello squalificato Cigagna?
«La soluzione più semplice prevede l’inserimento di un altro "under", quindi dovrebbe giocare Palmiero. Sappiamo che Ungaro ha un’esperienza diversa ma per inserirlo dovrei togliere un over da un’altra parte. Per il resto conto di riconfermare la squadra che ha vinto con il Mezzolara».

Vedremo giocare Ponsat qualche minuto in più?
«Il problema con Ponsnat è che per farlo salire devo effettuare due sostituzioni con la regola degli “under”. In panchina portiamo Rizzi (classe ‘99, ndr) che si allena bene e domenica scorsa è finalmente rientrato. Entrambi sono giocatori di cui presto avremo bisogno».

Il primo traguardo è il 7 aprile?
«Sì, vogliamo arrivare al derby nella migliore condizione psicofisica, ma per farlo dobbiamo pensare prima al Sasso Marconi, una formazione ostica che deve ancora raggiungere la salvezza. E’ difficile affrontare questo tipo di avversarie, lo ha dimostrato anche il Modena domenica scorsa inciampando in casa contro l’ultima in classifica. Non possiamo permetterci di sottovalutare nessuno».

Il match dell’andata finì in goleada per la sua squadra...
«Dobbiamo comunque stare attenti perché analizzando l’andamento del Sasso Marconi si può notare che ha fatto più punti fuori casa. La caratteristica dei gialloblù è quella di chiudersi e ripartire in contropiede, dovremo quindi essere bravi ed attenti. Ho fiducia nei miei ragazzi, tutto dipende dalla testa».

In settimana avete sperato in un passo falso della Pergolettese?
«Ci abbiamo creduto perché chi ha visto la partita ci ha detto che nel primo tempo il Ciliverghe meritava il vantaggio ma le partite durano 90 minuti. Complimenti alla Pergolettese».

La caccia al secondo posto però è ancora aperta...
«Sì, ora guardiamo al Modena ma va sottolineato che finché la matematica non ci condanna dobbiamo ancora sperare nel primo posto. La Pergolettese ha un calendario più complicato rispetto a Modena e Reggiana...».

Commenti

Reggio Audace-Sasso Marconi, le probabili formazioni
Rivivi il LIVE di Reggio Audace-Sasso Marconi 1-0