Primo Piano

Espeche: «Porto grande voglia di giocare e serietà. Playoff obiettivo alla nostra portata»

«Nel calcio che conta sono arrivato tardi, le motivazioni però non mancano. Gioco sempre al limite ma in modo corretto»

Redazione TuttoReggiana
20.07.2019 14:30

Dall'alto dei 34 anni compiuto di poco, Marcos Espeche è il giocatore più navigato della squadra e con Rozzio, Spanò e tutti gli altri difensori andrà a comporre una retroguardia che si preannuncia tra le più solide dell'intero girone B.

«Quando si è fatta avanti la Reggiana non ho avuto dubbi - sottolinea il centrale argentino ex Gubbio - Mi ricordo una squadra forte nella stagione 2014/15 quando riuscimmo a strappare un pareggio importante all'andata ma al ritorno non ci fu nulla da fare (3-0 per i granata, ndr). Qui i tifosi sono di un'altra categoria, sicuramente ci daranno una grossa mano».

Quali sono le prime sensazioni da giocatore granata?
«Si parte sempre con grande entusiasmo e voglia. In ritiro avremo il tempo per conoscerci meglio: c'è bisogno di creare un'identità forte e un bel gruppo».

Quali sono le tue caratteristiche principali?
«Sono destro però mi so adattare facilmente. Mi piace giocare nella difesa a 3 perché mi permette di essere molto aggressivo. Gioco sempre al limite ma in modo corretto, non sono mai stato espulso finora».

È la prima esperienza in un club blasonato?
«Sono arrivato tardi nel calcio che conta: a 29 anni ho debuttato in C a Lucca dove sono rimasto per 7 stagioni. Diciamo che conosco bene la categoria».

A Reggio con che motivazioni arrivi?
«Qui porto grande voglia, serietà e come mentalità cerco sempre di spingere al massimo: se perdo le motivazioni, perdo tutto. Dobbiamo azzerare tutto quello che è stato fatto negli anni passati».

Ti sei posto un traduardo da raggiungere?
«Mi piacerebbe giocare il più possibile. La squadra ha grandi qualità e i playoff allargati ci agevolano, ma ci aspetta un girone tosto e competitivo».

Commenti

Da Carpi a San Benedetto del Tronto: le 19 trasferte della Reggiana
Igor Radrezza: «La Serie C deve essere un punto di partenza»