L'avversario

L'avversario - Fano, una nuova stagione con l'obiettivo di mantenere la categoria

I granata marchigiani sono reduci da due pareggi consecutivi dopo un avvio da dimenticare. Ex della partita l'attaccante classe 2000 Sarli

Tommaso Casotti
20.09.2019 18:30

Per la quinta giornata di campionato, domenica pomeriggio la Reggiana affronta in trasferta il Fano, formazione ripescata in Serie C in estate dopo aver terminato la scorsa stagione all'ultimo posto nel girone B.

Quest'anno l'avvio dei granata marchigiani non è stato affatto positivo: dopo i due k.o. in Coppa con Gubbio (0-6) e Teramo (0-2), nella partita di esordio in campionato è arrivata la sconfitta casalinga nel derby con la Sambenedettese (1-3); una settimana dopo è stato eccessivo il 6-1 subìto a Padova dopo un'ora di gioco di sostanziale equilibrio, i primi punti invece sono giunti con i pareggi per 1-1 con Ravenna e Gubbio. La panchina è stata affidata a Gaetano Fontana, ex tecnico di Juve Stabia, Cosenza, Casertana e, da calciatore, capitano dell'Ascoli nei primi anni 2000. Il legame del Fano con la società bianconera è stato ulteriormente approfondito con una serie di trasferimenti in prestito che hanno permesso di inserire nella rosa granata con alcuni elementi interessanti, perlopiù giovani da valorizzare, tant'è che la media del gruppo è inferiore a 22 anni. 

In porta è titolare Aniello Viscovo (classe '99), all'Avellino in D la scorsa stagione, in difesa Gatti e Di Sabatino formano la coppia centrale, con Tofanari e De Vito i principali indiziati a giocare nuovamente dal primo minuto sulle fasce. Il 4-3-3 visto nelle ultime uscite consegna a Gianluca Carpani (tre campionati in B con l'Ascoli) le chiavi del centrocampo, affiancato da Sapone e uno fra Parlati, Marino e Paolini. «Questo è un gruppo di lavoratori, di ragazzi che danno il massimo nelle sedute di allenamento - ha commentato il capitano Carpani ieri - e sono sereno perchè vedo un atteggiamento positivo. Dobbiamo crescere a livello di squadra, anche se la nostra progressione è palese: rispetto ad un inizio balbettante contro la Samb, siamo scesi in campo a Gubbio compatti e determinati. La Reggiana verrà qui con l’obiettivo di fare risultato, ma noi scenderemo in campo cercando di vincere davanti al nostro pubblico. Dobbiamo essere bravi a non prendere gol nelle battute iniziali». Le scelte in attacco non mancano: il sassolese Barbuti (ex Teramo e Lumezzane) è la punta centrale ed è andato a segno due volte in questo campionato, mentre nel ruolo di esterno destro trova spazio Hicham Kanis, talento del vivaio dell'AlbinoLeffe che paga però discontinuità di prestazioni, oltre ai numerosi giovani provenienti dall'Ascoli. Carte Mhando Said, classe '97, è un fantasista che ha debuttato anche in Serie B con il Brescia nel 2016, Enrico Baldini (22 anni) è il numero 10 della squadra, Luigi Sarli (2000) era invece uno dei più promettenti della Reggiana Berretti di due anni fa.

PRECEDENTI. Nei 20 passati scontri sono 9 i successi emiliani, 7 quelli marchigiani e 4 i pareggi: la Reggiana non perde dalla stagione 1985/86. Negli ultimi anni le due formazioni granata si sono affrontate in due campionati consecutivi in Serie C: doppia vittoria nella stagione 2016/17 (3-1 all'andata e 2-0 al ritorno) e bicchiere mezzo pieno nel 2017/18, quando al "Città del Tricolore" finì 1-0 (rete di Lombardo su punizione) e nel match di ritorno al "Mancini" terminò con uno scialbo pareggio per 0-0 che complicò la corsa al primo posto della squadra allenata dalla triade Eberini-La Rosa-Tedeschi.

Commenti

Campagna Abbonamenti, quota 5000 è ancora alla portata
Reggiana-Carpi, attiva la prevendita per il turno infrasettimanale del 25 settembre