Primo Piano

Reggiana-Bassano, le probabili formazioni: spazio ai veterani

Per il primo match dei playoff torna a respirare la difesa

Gian Marco Regnani
14.05.2018 19:00

Per la prima (e si spera non ultima) sfida da dentro o fuori, mister Eberini può tirare un sospiro di sollievo: dopo un mese di emergenza, con la difesa da inventare domenica dopo domenica, domani la Reggiana ritrova tre centrali su quattro che permetteranno alla triade in panchina di schierare la migliore formazione possibile contro la bestia nera Bassano.

Davanti a Facchin recuperano Ghiringhelli a destra e Rozzio e Crocchianti al centro permettendo così a Panizzi di tornare nel suo ruolo naturale sulla fascia mancina. Solo panchina per Bastrini, le cui condizioni non ottimali sconsigliano ancora un utilizzo dal primo minuto. Dopo settimane passate in prestito da centrale, capitan Genevier riprende il suo vero ruolo da regista basso con al suo fianco Bovo a destra e Carlini a sinistra. In avanti ritorna il tridente titolare Cattaneo-Altinier-Cesarini. Spanò unico indisponibile, mentre dalla Berretti è stato convocato il solo Zaccariello.

Mister Colella è intenzionato a confermare buona parte della formazione capace di espugnare il campo del Renate venerdì sera: Diop titolare al centro dell'attacco davanti a Minesso e Proia; solo panchina per Fabbro. Tre gli indisponibili: Grandolfo, Venitucci e Razzitti. 

 

I probabili schieramenti

REGGIANA (4-3-3): Facchin; Ghiringhelli, Rozzio, Crocchianti, Panizzi; Bovo, Genevier, Carlini; Cattaneo, Altinier, Cesarini. A disposizione: Narduzzo, Viola, Bastrini, Manfrin, Lombardo, Zaccariello, Bobb, Vignali, Riverola, Rocco, Rosso, Cianci, Napoli. Allenatore: Sergio Eberini.

BASSANO (4-3-2-1): Grandi; Andreoni, Pasini, Bizzotto, Karkalis; Bianchi, Botta, Salvi; Minesso, Proia; Diop. A disposizione: Costa, Barison, Stevanin, Bonetto, Bortot, Zonta, Laurenti, Tronco, Fabbro, Gashi, Zarpellon. Allenatore: Giovanni Colella.

 

Commenti

Playoff, i risultati del secondo turno
Bassano, mister Colella: «Abbiamo la mentalità giusta per passare il turno»