Primo Piano

Rondanini e il futuro del club: «La compagine societaria sarà rafforzata. Torneremo ad allenarci in via Agosti»

Novità anche sul fronte tecnico: «Arriverà sicuramente un nuovo direttore sportivo»

Redazione TuttoReggiana
07.05.2019 12:00

Mauro Rondanini, vicepresidente della Reggio Audace e azionista di maggioranza relativa (21,5% delle quote) con Conad Centro Nord, ieri sera come ospite della trasmissione "Appuntamento Sport" di Teletricolore (qui sopra la replica integrale della puntata) ha snocciolato varie questioni inerenti il futuro del club granata.

Capitolo ripescaggio: la Reggio Audace farà di tutto per essere ammessa in Serie C passando dai playoff che prenderanno il via il prossimo 19 maggio. «Ci proveremo, anche se prima del 16 maggio non conosceremo i dettagli relativi ai vari criteri necessari per stilare la graduatoria - ha spiegato Rondanini - Noi soci siamo d'accordo sul fatto che in Lega Pro potrebbero aprirsi più collaborazioni con varie squadre e incrementerebbe l'apporto degli sponsor. Stiamo già lavorando in ottica futura anche con i giocatori per trattenerli nella prossima stagione». Il marchio è un altro obiettivo sul taccuino della dirigenza granata: «Questo è un argomento molto delicato per i tifosi, io li posso tranquillizzare dicendo che abbiamo già fatto dei passi avanti presentando una proposta alla curatrice fallimentare ad una cifra vicina a quella ipotizzata dai vari giornali (circa 60mila euro, ndr). Siamo sicuri che riacquisteremo il marchio, sperando di farlo senza partecipare ad un'eventuale asta».

Notizie positive sul fronte tecnico: la Reggiana tra pochi mesi tornerà ad allenarsi in via Agosti. «I giocatori potranno allenarsi in una struttura adeguata e comoda che sarà il punto di riferimento per tutta la stagione». Il recupero dell'area in gestione alla Curia dovrebbe essere, almeno all'inizio, solamente parziale e potrebbe prevedere la realizzazione di un campo in erba sintetica. Rondanini ha tolto anche il velo sulla gestione dell'area tecnica: «Arriverà sicuramente un nuovo direttore sportivo e i prossimi giorni potrebbero essere cruciali per questa scelta (Massimo Varini e Marco Valentini i cavalli di ritorno accostati in queste ore alla Reggio Audace, ndr). I progetti per il futuro tecnico sono già stati visti e condivisi dai primi giorni di marzo: sono al vaglio due ipotesi in caso di Serie C o Serie D ma la scelta del ds e di conseguenza di un eventuale nuovo allenatore potrebbe dipendere anche dalla direzione che prenderà il rafforzamento societario del club. Il direttore generale Rocco Russo? Siamo soddisfatti del suo lavoro, resterà».

Uno o più nuovi soci all'orizzonte dunque. «Abbiamo l'imbarazzo della scelta nel consolidare la società anche perché abbiamo costruito dalle fondamenta un club serio e trasparente che fa le cose per il bene della squadra e dei suoi tifosi - ha sottolineato con enfasi Rondanini - Stefano Bonacini? È un nome che circola da un po' e piace alla gente: è un ingresso possibile ma non è il solo. La reggianità alla base del progetto è il punto fermo dal quale non ci vogliamo allontanare. Se entrasse un personaggio navigato nel mondo del calcio avrebbe giustamente delle pretese sull'area tecnica, altre soluzioni invece porterebbero a scelte diverse compresa la valutazione sull'allenatore». In chiusura di trasmissione, un accenno al bilancio: «Le perdite più importanti erano derivate dall'acquisto delle quote di Romano (ancora socio al 10% fino a giugno), ma sono già state coperte. L'azionariato popolare sta per diventare un progetto concreto, realizzato grazie al lavoro dello studio Baldini: presto i tifosi potranno darci una mano direttamente».

Commenti

Una settimana in più per recuperare le energie, l'infermeria ringrazia
Palmiero e Muro, i granata del futuro: «Ascoltiamo i consigli dei compagni»