Primo Piano

Zamparo: «La differenza con il Modena resta minima, ora conta solo vincere»

«Contro l'Axys Zola non sarà facile, dobbiamo dare tutti il massimo. Il record di gol? Spero di arrivare a 20, devo pagare una cena ai miei compagni»

Redazione TuttoReggiana
11.04.2019 18:15

La corsa della Reggiana verso il secondo posto e quella di Luca Zamparo verso la vetta della classifica marcatori ripartono domenica a Sasso Marconi contro l'Axys Zola, ma le emozioni lasciate dal derby sono ancora presenti nella testa dei giocatori.

«Mi piacerebbe giocare partite del genere ogni domenica - confessa il bomber granata - Le sensazioni provate al "Città del Tricolore" hanno superato anche quelle del derby dell'andata, forse perché stavolta c'era in palio qualcosa di veramente importante. Ci dispiace non essere riusciti a regalare i tre punti ai tifosi, ma ci teniamo stretti il pareggio».

Ancora una volta la Reggiana non è riuscita ad impensierire il Modena...
«All’inizio però c'era la sensazione di poter vincere la partita, poi è stato bravo il Modena a sistemarsi e a chiuderci tutti gli spazi. Io sono dovuto arretrare a centrocampo perché non arrivavano palloni utili là davanti, ma tutto sommato sono contento della mia prestazione. Credo che i due punti di differenza in classifica rendano bene l'idea del piccolo margine che separa il valore dei due gruppi».

Ora però non sono più ammessi passi falsi...
«Non possiamo più sbagliare noi, così come non possono sbagliare Modena e Pergolettese. Restano 12 punti a disposizione: daremo il massimo per vincere le prossime quattro partite».

Con un occhio alla vetta?
«Il calcio è imprevedibile, mai dire mai. L'importante però è rimanere concentrati su di noi, faremo i conti dopo lo scontro diretto tra Modena e Pergolettese».

In questa parte finale del campionato bisogna gettare il cuore oltre l'ostacolo?
«Sì, dobbiamo stringere i denti e non mollare fino alla fine, anche un tiro a tempo scaduto può cambiare l'esito di una partita come è successo a Voghera. Tutti devono dimostrare il proprio valore, anche in allenamento».

Domenica tornerete a Sasso Marconi, campo dove hai già segnato una doppietta...
«Ricordo bene quella partita, il campo non era il massimo per giocare a calcio. Contro l'Axys i tre punti sono alla nostra portata ma non sarà semplice ottenerli. Prevedo che assisteremo ad una sfida molto combattuta».

In queste ultime gare giocherai con l'ossessione di superare quota 18 gol, tuo record personale in Serie D?
«A dire il vero vorrei arrivare a 20 perché ho promesso che avrei pagato una cena ai miei compagni di squadra. So che dai miei gol passano anche tanti punti importanti, questa responsabilità mi riempie d'orgoglio».

Pastore domenica è uscito in lacrime dal campo: vi siete confrontati con lui?
«Sì, lo abbiamo consolato. Marco è un ragazzo molto emotivo che a volte si lascia trasportare troppo dalle situazioni: adesso ha capito l'errore».

Commenti

L'Audace Card si rinnova, i tifosi potranno accumulare punti per vincere premi o esperienze emozionali
Axys Zola-Reggio Audace, la prevendita