Primo Piano

Antonioli: «Oggi i ragazzi sono staiti eroici, un applauso agli under in campo»

«Dammacco? L'ho richiamato in panchina per dargli un segnale. Il Modena? Pensiamo a noi stessi, tutto può ancora succedere»

Mauro Falduto
24.03.2019 17:45

Mauro Antonioli nella sala stampa provvisoria del "Città del Tricolore", ricavata nella palestra dell'impianto di Piazzale Atleti Azzuri d'Italia, sottolinea la grande prova di carattere dei suoi ragazzi ma li invita allo stesso tempo a tenere le antenne dritte in vista del prossimo impegno a Voghera che precederà il derby.


Mister, vittoria sofferta ma alla fine tutto bene quel che finisce bene...
«Siamo stati bravi nel carattere. Siamo stati criticati in passato proprio per il poco carattere dimostrato. Oggi non è stato così. Abbiamo dimostrato di essere un gruppo che lotta e non molla. Anche con ragazzi molto giovani in campo siamo riusciti a portarla a casa. Dovevamo chiuderla prima nel primo tempo e forse questa è l'unica cosa negativa della giornata. Anche oggi gli episodi sono stati determinanti. L'espulsione di Spanò poteva condizionarci ma alla fine è andato tutto bene. Oggi i ragazzi sono stati eroici».

Quanto ha complicato la partita l'espulsione di Spanò?
«Chiaramente non è stato facile restare senza il giocatore più rappresentativo, ma faccio i complimenti a chi era dopo in campo. Per esempio Ungaro ha fatto un'ottima prova, idem Narduzzo. E ovviamente tutti gli altri, soprattutto gli under».

La sostituzione di Dammacco nel primo tempo come la spiega?
«È un segnale rivolto a lui. Potevo aspettare l'intervallo ma ho preferito cambiarlo subito: era per fargli capire che qui bisogna lottare sempre. Il giocatore ha qualità indiscusse ma abbiamo bisogno di gente che dia tutto e oggi Gaetano non ha avuto lo stesso approccio dei suoi compagni».

Si puo dire che i senatori hanno preso per mano la squadra?
«Sì, penso a giocatori come Zamparo che nel secondo tempo ha fatto praticamente reparto da solo e ha preso un sacco di falli. Penso a Staiti che da mezzo infortunato ha continuato a dare tutto. Complimenti agli over, ma complimenti anche agli under».

Il caso di Staiti e della sua fascia elastica? L'arbitro lo ha richiamato perchè non era dello stesso colore dei calzoncini?
«Purtroppo sono cose assurde e a volte si guarda troppo alle cose fuori dal campo. Alla fine Lorenzo l'ha ricoperta con il nastro rosso ma l'arbitro la voleva in bianco come il colore dei calzoncini. Il giocatore ha preferito quindi levarsi tutto e continuare a dare una mano in campo».

La situazione infortunati è peggiorata?
«Belfasti ha sentito un dolore muscolare e l'ho sostituito. Staiti ha avuto un risentimento ma è comunque rimasto in campo, stringendo i denti. Bran ha preso un colpo in testa nel primo tempo e nel secondo ha avuto un giramento. Spero ora nel recupero di Masini e magari anche di Cozzari. Purtroppo siamo contati».

Modena a soli 2 punti...
«Noi come loro abbiamo molti rimpianti per questo campionato. Entrambe le squadre sono ancora in lotta per obiettivi importanti. Speriamo di arrivare allo scontro con la possibilità di un sorpasso, sarebbe bellissimo, ma ora dobbiamo pensare a noi stessi. Giocheremo in campi difficili come è stato a Mezzolara e Carpaneto. Tutto può ancora succedere, non dobbiamo mollare di un millimetro».


Vota il migliore granata in campo

Commenti

I risultati della 28ª giornata. Pareggiano Pergolettese e Modena
Palmiero: «Ringrazio i compagni per il grande aiuto che mi stanno dando»