Primo Piano

Antonioli è carico: «Domani voglio vedere dei passi in avanti. Spanò? È pronto»

Il tecnico granata si appresta a debuttare al "Città del Tricolore" contro la Pergolettese: «Match importante ma non decisivo»

Gian Marco Regnani
06.10.2018 14:00

Vigilia di campionato molto importante per Mauro Antonioli e la sua Reggio Audace: domani alle ore 15 Narduzzo e compagni affronteranno la Pergolettese, terza forza del campionato pronta a vendere cara la pelle e a fare un dispiacere alle migliaia di tifosi reggiani che torneranno a colorare di granata gli spalti del “Città del Tricolore”.

Mister, ieri pomeriggio avete testato il rinnovato manto erboso del “Città del Tricolore”: che atmosfera si respira?
«Abbiamo avuto tutti una bella impressione, sicuramente domani quando scenderemo in campo proveremo tutti una grande emozione. Questo stadio deve essere uno stimolo e darci una carica in più anche perché gli avversari vorranno sempre fare bella figura contro di noi».

Mancherà Rozzio per squalifica: Spanò è pronto?
«Penso proprio di schierarlo dal primo minuto. Lui è recuperato ed ha una grande voglia di rientrare».

Cosa può dare dal punto vista carismatico alla squadra?
«Io lo conoscevo da avversario, ora lo apprezzo da allenatore. Spanò è un punto di riferimento per tutti in campo e nello spogliatoio, ci darà una grandissima mano durante la stagione».

Pastore è stato un’interessante alternativa nelle ultime partite…
«Deve essere da esempio per tutti gli altri ragazzi: all’inizio era più indietro nelle gerarchie, ma con l’impegno in allenamento ha scalato posizioni in graduatoria. In questa rosa tutti devono essere bravi a sfruttare la propria occasione».

Rivedremo tre under in difesa?
«Giocatori come Cigagna, Bran e Masini al momento sono più pronti di altri. Verrà un momento per tutti, però in linea di massima gli under sono quelli».

Durante la rifinitura i giocatori non hanno risparmiato l’agonismo, tanto che Zamparo e Grassi si sono scontrati duramente…
«Hanno riportato due ferite superficiali, sono a disposizione entrambi. Sinceramente preferisco una squadra tesa, che dia segnali importanti a livello caratteriale piuttosto che una piatta e tranquilla».

Senza gioco si fa fatica ad andare avanti…
«Domenica scorsa era importante fare tre punti, quindi speriamo di esserci sbloccati mentalmente. Non è che i ragazzi non si impegnino, sentono tanta responsabilità ma sono convinto che miglioreremo anche dal punto di vista del gioco una partita dopo l’altra. Già in settimana ho notato una crescita in allenamento».

Che avversaria è la Pergolettese?
«La compagine gialloblù è una squadra di qualità con giocatori importanti. In linea di massima mister Del Prato schiera un 4-3-3 anche se a volte ha provato un 4-3-1-2 con il centrocampo a rombo. Non vediamo l’ora di affrontarli perché sarà una partita diversa, giocata a viso aperto un po’ come era successo a Crema».

Si può parlare di primo esame di maturità già dopo quattro giornate?
«Quello di domani è un match molto importante per noi, chiaramente non decisivo ma spero di vedere una crescita da parte dei miei ragazzi».

I tifosi in settimana hanno abbattuto il muro dei 3000 abbonamenti e vogliono festeggiare il ritorno al “Città del Tricolore” con una vittoria…
«Avere così tanti abbonati è un grande risultato per la società, adesso spetta allo staff e alla squadra dimostrare di essere all’altezza della situazione. Sono convinto che lavorando con calma e tranquillità si possano ottenere i risultati che i dirigenti e la piazza sperano di raggiungere».

Commenti

Girone D, i risultati della 4ª giornata: pari Modena, Fiorenzuola k.o. nell'anticipo a Lodi
La Campagna Abbonamenti chiude superando quota 3400