Primo Piano

Reggiana, si può fare! In casa della Juve Stabia un pareggio senza reti

Poche emozioni nella gara di andata del primo turno della fase nazionale dei playoff

Lorenzo Chierici
20.05.2018 22:45

L'undici iniziale granata schierato al "Menti" © Ac Reggiana 1919

Eberini, La Rosa e Tedeschi cambiano le carte in tavola e mandano in campo la formazione che non ti aspetti. Se dietro la Reggiana aveva scelte obbligate, a centrocampo potevano essere confermati Bovo e Carlini, ma la triade granata ha voluto rischiare e ha fatto bene, dando fiducia a Riverola e Bobb. Alla fine hanno avuto ragione e con una squadra di lottatori, pur soffrendo un po', almeno nella prima frazione di gioco, mentre nella seconda parte del match non ci sono stati grossi problemi, i granata hanno portato a casa uno 0-0 sul campo della Juve Stabia davvero importante e ora si giocheranno il passaggio del turno nella gara di mercoledì 23 maggio allo stadio "Città del Tricolore", di fronte al pubblico amico.

LE FORMAZIONI. Per quanto riguarda i padroni di casa della Juve Stabia i tecnici Caserta e Ferrara, forse per farli riposare in vista della gara di ritorno, hanno sorprendentemente lasciato in panchina il forte esterno Canotto, autore di 8 reti e Simone Simeri, capocannoniere della Juve Stabia con 11 centri all'attivo, mentre ha giocato Paponi che ha realizzato 7 gol. Per il resto il 4-3-3-di Caserta e Ferrara prevede Branduani in porta, Nava e Crialese sugli esterni, con Redolfi e Allievi al centro della difesa. Viola gioca invece nel ruolo di playmaker, affiancato a destra da Vicente e a sinistra dall'ottimo Mastalli. Davanti Strefezza nel ruolo di centravanti, con Paponi sulla sinistra e Melara sull'out di destra. La Reggiana, ancora limitata dalle assenze difensive, si schiera con un 3-5-2 con Facchin in porta, che sembrava non dovesse giocare per un infortunio in fase di riscaldamento, ma il portiere granata strine i denti e scende in campo. Davanti a lui Bastrini al centro della difesa a tre con Paolo Rozzio, al rientro, sul centro sinistra e Luca Ghiringhelli sul centro destro, nell'inedito ruolo di centrale di destra. Un po' più avanti, sempre sull'out destro, a farsi tutta la fascia, il confermato Luca Vignali, che allo Spezia ha ricoperto anche quel ruolo oltre a quello di mezzala, mentre a sinistra gioca Gianni Manfrin, che rileva l'infortunato Erik Panizzi. Al centro della zona nevralgica del campo confermassimo capitan Genevier, con Riverola sul centro destra e Bobb sul centro sinistra. Là davanti i soli Cianci e Cesarini. In caso di parità di gol nel doppio confronto, gli emiliani passerebbero il turno essendo testa di serie, ossia la migliore quarta classificata dei tre gironi, vista la mancata qualificazione del Monza.

PRIMO TEMPO. A farsi pericolosa è subito la Juve Stabia che dopo 12' di gioco cerca il gol con un tiro ad effetto di Viola dalla distanza, ma Facchin dimostra di aver recuperato l'infortunio d'inizio gara e devia la sfera in corner. Due minuti più tardi Vignali spreca con il sinistro da ottima posizione sul calcio d'angolo battuto dalla destra: palla fuori e mani nei capelli. La Juve Stabia insiste: Bobb perde un pallone in uscita e Crialese cerca di approfittarne, ma il suo tiro si spegne sul fondo. Poco dopo ci prova in modo velleitario Cianci di testa, ma l'estremo Branduani blocca senza problemi. Al 32' ecco l'azione che avrebbe potuto cambiare la partita: Branduani e Redolfi si addormentano e il portiere esce alla disperata anticipando Cianci di piede, la sfera arriva sui piedi di Cesarini che stoppa la sfera e di sinistro, quindi non col suo piede preferito, cerca un pallonetto non impossibile, ma la mira è imprecisa e la sfera, malgrado la porta fosse sguarnita, termina a lato, graziando la Juve Stabia. Al 42' grave errore di Rozzio, che non sembra proprio al meglio, ma Mastalli si vede bloccare il tiro da Facchin in due tempi. Un minuto dopo ancora la Juve Stabia con un'incornata di Paponi che anticipa Ghiringhelli, ma colpisce la base esterna del palo, con palla che termina sul fondo. Pochi istanti dopo altri disimpegno corto di Rozzio e Mastalli, di sinistro, calcia tra le braccia di Facchin, mentre sullo scadere, altro splendido cross da sinistra sul secondo palo, dove Paponi svetta bene, lasciato tutto solo, e colpisce perfettamente di testa, ma la sua conclusione si infrange sulla base esterna del palo e termina a lato, con Facchin immobile, completamente tagliato fuori.

SECONDO TEMPO. La Reggiana controlla, mentre la Juve Stabia cerca di vincere la gara, a non ci riesce, tant'è che di tiri in porta ce ne sono davvero pochissimi. Al 17' ci prova Crialese ma Facchin blocca senza problemi, risponde Riverola con deviazione di Allievi che favorisce l'intervento di Branduani. La coppia di tecnici Ferrara-Caserta cambia la punta Paponi col capocannoniere della Juve Stabia Simeri, ma l'esito della gara non cambia, mentre Eberini mette dentro Bovo per Bobb, poi toglie Riverola e inserisce Carlini, per poi concludere con la staffetta classica fra Cianci e Altinier. I padroni di casa tentano con un tiro dalla distanza di Vicente, ma la sfera termina in curva. L'unico vero tiro in porta di questo secondo tempo arriva al 29' quando Berardi ci prova in mischia con il suo pericoloso mancino, ma Facchin si dimostra attentissimo e blocca la sfera a terra. Due minuti dopo Canotto cade in piena area di rigore, la Juve Stabia protesta, ma per l'arbitro si tratta di simulazione e il giocatore viene ammonito. Un cambio a testa nel finale: Eberini toglie uno stanco Cesarini con il dinamico Rosso, mentre la Juve Stabia toglie Vicente per Calò, oltre a mandare sotto la doccia Viola inserendo in mediana Matute. Al 90' l'arbitro assegna quattro minuti di recupero nei quali non accade nulla. Tante le proteste di tifosi e dirigenti della Juve Stabia in tribuna per una partita che i locali dovevano vincere, mentre per la Regia, il pari portato a casa in terra campana è davvero importantissimo. Ora l'appuntamento mercoledì sera per il match decisivo per il passaggio del turno. Per ora, quindi, il sogno granata continua.


La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:


Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

JUVE STABIA-REGGIANA 0-0
JUVE STABIA: Branduani; Nava, Redolfi, Allievi, Crialese; Vicente (dal 43' st Calò), Viola (dal 33' st Matute), Mastalli, Melara (dal 22'st Berardi), Strefezza (dal 29' st Canotto), Paponi (dal 23' st Simeri). A disp.: Bacci, Dentice, Marzorati, Bachini, Franchini, D'Auria, Sorrentino. All.: Caserta-Ferrara.
REGGIANA: Facchin; Ghiringhelli, Bastrini, Rozzio; Vignali, Riverola (dal 25' st Carlini), Genevier, Bobb (dal 25' st Bovo), Manfrin; Cianci (dal 26' st Altinier), Cesarini (dal 42' st Rosso). A disp.: Narduzzo, Viola, Palmiero, Rocco, Lombardo, Napoli, Cattaneo. All.: Eberini.
Arbitro: Dionisi di L'Aquila.
Note: ammoniti Vicente, Canotto (J); Vignali, Manfrin (R); calci d'angolo 7-4 per la Juve Stabia.

 

(foto © AC Reggiana 1919)

Commenti

Le pagelle di Juve Stabia-Reggiana
Eberini dopo il pareggio di Castellammare: «È finito solo il primo tempo»