Primo Piano

Le probabili formazioni di Pergolettese-Reggio Audace

Spanò torna al centro della difesa, Cavagna verso la panchina: pronto il cambio di modulo

Redazione TuttoReggiana
26.01.2019 18:30

Per il big match del "Voltini" contro la Pergolettese, in programma domani alle ore 14:30, mister Antonioli recupera Spanò al centro della difesa e si appresta a schierare un attento 3-5-2 simile e quello utilizzato un paio di settimane fa a Bellaria contro il San Marino.

Tra i pali Rossi alla fine dovrebbe spuntarla su Narduzzo, protetto dal terzetto Palmiero-Spanò-Cigagna ai quali in fase di copertura si aggiungeranno gli esterni Masini e Belfasti; possibile anche la soluzione a tre con Ungaro dentro per Palmiero. A centrocampo ballottaggio tra Osuji e Cavagna con il primo favorito come mezzala sinistra al fianco di Staiti e Alvitrez. Davanti confermata la coppia gol Ponsat-Zamparo. Prima panchina per Dammacco, il cui debutto potrebbe avvenire nel corso del secondo tempo così come quello del terzino sinistro Casanova. Unici indisponibili gli infortunati Bran e Rozzio.

La Pergolettese di mister Contini deve rinunciare al lungodegente Fabbro, Sofia e soprattutto Manzoni, ma recupera Villa sulla sinistra: probabile dunque un ritorno al 4-3-3 con Cazzamalli a centrocampo e Franchi punta esterna assieme a Morello a supporto del perno centrale Gullit. 
 

I probabili schieramenti

PERGOLETTESE (4-3-3): Stucchi ('00); Fanti ('00), Lucenti, Bakayoko, Villa ('99); Muchetti, Panatti, Cazzamalli; Franchi, Gullit, Morello ('99). A disposizione: Chiovenda, Tosi, Manfroni, Barborini, Piras, Schiavini, Russo, Bortoluz, Bitihene. Allenatore: Matteo Contini.

REGGIO AUDACE (3-5-2): Rossi ('00); Palmiero ('01), Spanò, Cigagna ('99); Masini ('99), Staiti, Alvitrez, Osuji, Belfasti; Ponsat, Zamparo. A disposizione: Narduzzo, Cozzolino, Ungaro, Casanova, Cavagna, Pastore, Dammacco, Broso, Bardeggia. Allenatore: Mauro Antonioli.

Commenti

Reggio Audace-Fiorenzuola, la prevendita
Contini suona la carica: «La gara d'andata non conta più, ora siamo noi in testa»